“AIRC” ed “Educazione all’ Alimentazione”

Il 21 Marzo, presso la cavea del nostro Istituto, i ragazzi delle terze classi della scuola secondaria di Primo grado hanno partecipato ad un doppio incontro educativo...

 

Il primo, con la Dott.ssa Barbara Giuffrida, esponente dell ‘AIRC (Associazione Italiana Ricerca Sul Cancro ), che ha spiegato che questa è un’associazione nata  nel 1965 con l’obiettivo di raccogliere ed erogare fondi a favore del progresso della ricerca oncologica e diffondere al pubblico una corretta informazione su risultati e sulle prospettive di cura.

L’AIRC sostiene la ricerca contro i tumori con diversi strumenti tra i quali il finanziamento di progetti d’eccellenza selezionati sulla base di criteri meritocratici, trasparenti e indipendenti.

Questo percorso ricco di scoperte ma anche di nuove sfide, continua grazie al sostegno di migliaia di soci, sostenitori e ai volontari; grazie alle moltissime occasioni di incontro con i ricercatori; ed attraverso le innumerevoli iniziative promozionali di vendita di azalee, cioccolatini, arance, uova pasquali ecc., finalizzate ad ottenere una raccolta di fondi per la Ricerca trasparente e costante.   A tal fine, quest’anno, i ragazzi della Savio contribuiranno alla raccolta fondi acquistando le uova di cioccolato per Pasqua.

Il secondo incontro è stato con la dott.ssa Giusy Manuele, che ha affrontato con gli alunni l’argomento della corretta Alimentazione.

Nella nostra società, ha affermato la dott.ssa Manuele, la salute e il cibo sono argomenti molto dibattuti.

E’ importante distinguere tre modi di intendere il cibo: Mangiare per Saziarsi; Mangiare per Alimentarsi; Mangiare per nutrirsi

E’ necessario introdurre cibo sano nel nostro organismo, attenzionando principalmente ciò che questo produce nel nostro corpo, così da poter ritardare o evitare lo sviluppo di malattie.

Raggiungendo il giusto equilibrio tra carboidrati, proteine, grassi e zuccheri otterremo una sana alimentazione.

La dottoressa Manuele dopo una chiara spiegazione scientifica dell’introduzione del cibo nel nostro organismo e della trasformazione di esso, ha dato sani consigli ai ragazzi di cosa mangiare  rispettando una piramide nutrizionale che va dall’importanza del pesce ai carboidrati, alle proteine, ai grassi e agli zuccheri.

Per combattere l’obesità è necessario che la famiglia, gli insegnanti, i medici e le istituzioni acquistino conoscenza e coscienza del problema e che agiscano, ognuno nel proprio ruolo e nel proprio campo di azione, per favorire comportamenti adeguati, fornire informazioni e appontare percorsi quotidiani adatti alle esigenze di una corretta  alimentazione.

Agli incontri ha partecipato, oltre alla referente scolastica, prof.ssa Rosaria Guglielmino e la Vice Preside Prof.ssa Lina Maccarrone, la Dirigente che ne ha sottolineato gli aspetti educativi, visto che attraverso le informazioni fornite durante l’articolato incontro aiutiamo i ragazzi a conoscere come è possibile prevenire le malattie, generando salute e un senso di benessere fisico e mentale.

                                                      Referente sul territorio Prof.ssa Rosaria Guglielmino